DE | FR

search


Kontakt
maps

Links


Fr


De

Successo della 1a edizione della corsa per le alternative alla sperimentazione animale

Malgrado il brutto tempo di questo mese di giugno, tutte le persone iscritte alla corsa sono venute il 12 giugno per la prima edizione della corsa run4science. La mattinata soleggiata ha addirittura attirato partecipanti supplementari. E’ stato dunque raggiunto l’obiettivo mirato di 300 podisti e questo è una grande soddisfazione.

Il mese di lavoro prima della corsa ed i due giorni necessari per montare le installazioni sono stati ricompensati dalla presenza del pubblico venuto ad incoraggiare i podisti, a partecipare alle animazioni o ad informarsi sulle alternative alla sperimentazione animale. La LSCV in collaborazione con Nik Jukes di InterNiche ha tenuto uno stand dedicato alla sostituzione degli animali nell’insegnamento. I modelli esposti hanno riscosso molto successo, in particolare tra i bambini che hanno potuto effettuare prelievi del sangue finti o procedere all’esame di un manichino canino, utilizzato per la formazione dei veterinari. Le ditte Epithelix e Oncotheis e l’Università di Ginevra hanno affrontato la tematica della sostituzione nella ricerca applicata o fondamentale, in particolare nel campo dei modelli cellulari umani in vitro.

La grande sorpresa è venuta dal numero di volontari che hanno accettato di partecipare alla nostra prima edizione. Tutte le postazioni in cui pensavamo di mancare di volontari sono state occupate: équipe cucina, accoglienza, spogliatoio, segnalazione del percorso, rifocillamento dei podisti, consegna dei premi, ecc. Li ringraziamo di cuore per la loro presenza ed il loro aiuto. Senza di loro, l’organizzazione della giornata non avrebbe avuto lo stesso successo. E, fatto piuttosto raro, la maggior parte dei volontari sono rimasti fino a tardi domenica sera quando si è dovuto smontare e mettere a posto tutto il materiale !

Un grande ringraziamento anche ai partecipanti podisti, bambini, adolescenti e adulti, che hanno sudato par una buona causa. E grazie al rifugio Darwyn ed alla sua presidente Anouk Thibaud, che ci ha accolto fino alla fine con il sorriso, malgrado le complicazioni organizzative dovute alla corsa. E per averci aiutato a trovare soluzioni pratiche ai problemi dell’ultimo momento: consegna delle panche e dei tavoli, installazione delle docce per i podisti, dell’elettricità con una potenza sufficiente per l’impianto audio e la società di cronometraggio, ed altri problemi tecnici. Questo rifugio è un luogo magnifico che trabocca di un’energia intensa. Necessaria quando si tratta di occuparsi di così tanti cavalli abbandonati, vittime di maltrattamenti.

E’ probabile che vi sarà una seconda edizione di run4science nel 2017, questa volta con un numero superiore di partecipanti e con animazioni e stand informativi più vari e numerosi. Una festa più grande, ma sempre con lo stesso obiettivo: far scoprire il potenziale dei metodi di ricerca senza animali.

Nell’attesa, vi diamo appuntamento quest’autunno per scoprire quale progetto di ricerca senza animali ha potuto essere sostenuto grazie ai fondi raccolti durante questa magnifica giornata.

Un grazie di cuore a Tzivan, Daniel Gubler/SGP e Vincent Zilioli per le foto.

 


Iscrivetevi alla nostra

Metodi di ricerca che non ricorrono agli animali
»» Sostegni LSCV

»» InterNICHE

»» Epithelix

Cattedra universitaria di docenza dei metodi alternativi
»» Doerenkamp-Naef-Zbinden