DE | FR

search


Kontakt
maps

Links


Fr


De

Settembre 2009 - Svizzera – Sviluppo di metodi alternativi

Epithelix - Ovvero lo straordinario percorso di quattro scienziati innovativi

Il percorso di questa azienda è piuttosto eccezionale. In primo luogo perchè raggruppa scienziati che hanno scelto di dedicarsi esclusivamente allo sviluppo di metodi sostitutivi, malgrado le difficoltà cui si sono scontrati per avviare finanziariamente un’attività in questo campo. Ma anche perchè Epithelix mira ad un obiettivo etico: consentire la soppressione di esperimenti sugli animali grazie all’utilizzazione di modelli in vitro.

La Lega ha scoperto i lavori di Ludovic Wiszniewski nel novembre 2005, qualche mese prima che creasse Epithelix con altri tre scienziati. Giovane ricercatore presso l’Università di Ginevra, si era visto rifiutare il sostegno della Fondazione Ricerche 3R. Ma non della Fondazione Naef, che gli ha attruibuito un premio per il modello cellulare da lui messo a punto per lo studio delle malattie respiratorie umane quali l’asma o la mucoviscidosi. L’interesse di poter disporre di un’alternativa alla sperimentazione animale in questa sfera di ricerca non è da sottovalutare: poichè i topi non esprimono «naturalmente» queste malattie, vengono geneticamente prodotti topi suscettibili di avvicinarsi il più possibile alle malattie respiratorie studiate. Malgrado l’assurdità di questi studi, i gruppi di ricerca portano avanti tranquillamente i loro lavori. Non tutti, per fortuna, come questo responsabile di ricerca dell’Istituto di Fisiologia e Biologia Cellulari del CNRS che scriveva:
« I lavori appena realizzati da Ludovic Wiszniewski sono un enorme passo in avanti per la nostra conoscenza della fisiologia e della fisiopatologia dell’epitelio respiratorio (…) L’utilizzazione di topi non è soddisfacente per uno studio rigoroso della funzione respiratoria (…). Pertanto urgeva avere accesso ad un modello di colture primarie disponibile sul lungo termine ed in grado di mimare con la maggior precisione possibile, l’epitelio umano (…).”


Siamo stati naturalmente molto interessati non solo dai lavori di Ludovic Wiszniewski, ma anche dal suo coinvolgimento e la sua personalità. Per questo motivo, quando Epithelix è stata fondata nel marzo 2006, abbiamo immediatamente accettato di sostenere finanziariamente i loro lavori. Il notro aiuto è proseguito nel 2007 e 2008.

Oggi, dopo tre anni di attività, la vendita di modelli in vitro copre le spese di funzionamento di Epithelix. È attualmente in corso una procedura di convalida per l’utilizzazione di questi modelli in sostituzione degli animali per i test di tossicità, presso il Centro di Convalida dei metodi alternativi (ECVAM). Parallelamente, Epithelix sviluppa la distribuzione dei suoi prodotti su più ampia scala. Attualmente, circa 5'000 modelli in vitro sono venduti annualmente, riducendo di altrettanto l’utilizzazione di animali. Ha peraltro ricevuto il premio « Red Herring Europe» all’inizio dell’anno. Classificando Eptithelix tra le «100 aziende più promettenti d’Europa», questa distinzione ha offerto all’azienda una visibilità di primo piano.
Queste belle notizie ci offrono anche l’opportunità di ringraziare tutti i nostri Soci e generosi donatori. È grazie al vostro sostegno che la Lega ha potuto a sua volta sostenere l’eccellente lavoro di Epithelix. Grazie di cuore !

 

A proposito di Epithelix

Il suo obiettivo è fornire soluzioni in vitro in materia di malattie respiratorie e test di tossicità. È stata sviluppata una tecnologia di ricostruzione di tessuti delle vie respiratorie in vitro, fondata su cellule primarie umane con una durata di vita di un anno. È uno dei principali interessi dei modelli in vitro messi a punto da Epithelix in quanto attualmente i tessuti in coltura hanno una durata massima di vita di circa due settimane.

Diversi premi per coronare i lavori di Epithelix

Dall’anno della sua creazione, Epithelix ha ottenuto i premi  «World Technology Award», «BioInnovation Prize» e «Venture Idea 2006 McKinsey&Company» nel 2006; i premi «Liechti» e «CTI START-UP LABEL» nel 2007; i premi della «Fondation W.A. de Vigier» e «Venture Leader» nel 2008. nell’aprile 2009, Epithelix ha ricevuto il premio RED HERRING EUROPE 2009, conferito alle 100 aziende più promettenti d’Europa.

Quando nel 2006 la Lega aveva lanciato la petizione cantonale «Per lo sviluppo dei metodi alternativi e contro gli abusi della sperimentazione animale nell’Università di Ginevra», uno dei baroni di questa stessa università aveva dichiarato alla stampa, a proposito dei metodi alternativi: «Non si può fare ricerca su orsacchiotti in peluche». E quando gli fu chiesto per quali motivi l’Università di Ginevra non sosteneva il lavoro dei fondatori di Epithelix, questo stesso barone aveva risposto: «Se non li aiutiamo, è perchè non funziona !»
Questa informazione potrebbe sembrare aneddotica, se il barone in questione non fosse uno dei 30 esperti della divisione 3 dell’FNS incaricata di valutare l’interesse delle richieste di scienziati alla ricerca di uno sostegno finanziario...


Iscrivetevi alla nostra

Metodi di ricerca che non ricorrono agli animali
»» Sostegni LSCV

»» InterNICHE

»» Epithelix

Cattedra universitaria di docenza dei metodi alternativi
»» Doerenkamp-Naef-Zbinden