DE | FR

search


Kontakt
maps

Links


Fr


De

Procedure di consultazione
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Per procedura di consultazione si intende quella fase della procedura legislativa preliminare in cui i progetti della Confederazione che hanno una considerevole portata politica, finanziaria, economica, ecologica, sociale o culturale sono esaminati sotto il profilo della loro esattezza materiale, della loro idoneità all'attuazione e del loro consenso.

La procedura di consultazione viene indetta dal Consiglio federale e condotta dal Dipartimento competente in materia. Anche chi non è stato invitato a pronunciarsi nell'ambito della procedura di consultazione può esprimersi in riguardo. Le risposte dei partecipanti alla consultazione vengono vagliate prima che il Consiglio federale stabilisca i valori di riferimento del suo disegno.

 »» Procedure di consultazione ed indagini conoscitive in corso

 

Procedure di consultazione in corso o chiuse, nel campo della
protezione degli animali

 

1° marzo 2014


Dichiarazione obbligatoria delle pellicce e dei prodotti di pellicceria

Se l’entrata in vigore della nuova ordinanza sulla dichiarazione delle pellicce risale al 1° marzo 2013, i prodotti non conformi alle disposizioni legali potevano essere venduti fino al 28 febbraio 2014. Scaduto questo termine, qualsiasi prodotto in vendita che comporta pelliccia proveniente da un animale selvatico o di coniglio, dovrà essere correttamente etichettato a partire dal 1° marzo 2014. »» Segue

07 dicembre 2012


Il Consiglio federale - Dipartimento federale dell'economia

Il Consiglio federale istituisce l'obbligo di dichiarazione per le pellicce e i prodotti di pellicceria

Berna, 07.12.2012 - Per acquistare con cognizione di causa una pelliccia, i consumatori devono poter conoscere l'animale da cui è stata ottenuta, l'origine dello stesso e se è stato cacciato o allevato. In occasione della seduta del 7 dicembre 2012, il Consiglio federale ha adottato una nuova ordinanza sulla dichiarazione concernente le pellicce e i prodotti di pellicceria.

Una dichiarazione esplicita della specie animale, della sua origine e della sua provenienza permetterà al consumatore di essere informato in modo trasparente e di poter decidere se vuole acquistare o meno il prodotto. Al fine di minimizzare l'ostacolo al commercio è stato raggiunto un buon compromesso tra le informazioni da fornire nella dichiarazione ai consumatori e il lavoro che devono assumersi i venditori. La Svizzera è il Paese pioniere in questa materia, dato che l'identificazione delle pellicce e dei prodotti di pellicceria non è obbligatoria nell'UE.

In seguito alla consultazione la definizione di pelliccia, che in passato comprendeva solo la pelliccia di animali selvatici, è stata estesa anche a quella di alcuni animali domestici, ad eccezione di equini, bovini, suini, ovini e caprini. È compresa anche la pelliccia dei conigli domestici.

La nuova ordinanza adempie la mozione Moser «Obbligo di dichiarazione delle pellicce» (08.3675) trasmessa nel 2009 dal Parlamento, che ha incaricato il Consiglio federale di modificare le basi legali affinché si introducesse l'obbligo di dichiarazione per le pellicce e i prodotti di pellicceria.

L'Ufficio federale di veterinaria (UFV) funge da organo di controllo. L'ordinanza sulla dichiarazione delle pellicce entrerà in vigore il 1° marzo 2013 e si basa sulla legge sull'informazione dei consumatori (LIC). Le pellicce e i prodotti di pellicceria che non sono ancora conformi alle disposizioni possono essere forniti ai consumatori fino al 28 febbraio 2014.

.............................................................................................................................

Allegati »» Ordinanza sulla dichiarazione concernente le pellicce e i prodotti di pellicceria
Versione provvisoria - Fa fede solo la versione pubblicata nella Raccolta ufficiale delle leggi federali RU

 

12 settembre 2012


LSCV - Progetto di ordinanza sulla dichiarazione concernente le pellicce ed i prodotti di pellicceria

La LSCV ha preso posizione sul progetto di ordinanza sulla dichiarazione delle pellicce messo in consultazione dall’Ufficio federale di Veterinaria (UFV) dal 3 luglio al 24 settembre 2012.
L’elaborazione di questo testo fa seguito all’approvazione, da parte delle camere federali, della mozione Moser (08.3675) « Obbligo di dichiarare le pellicce », le quali incaricavano il Consiglio federale di modificare la legislazione alfine di istituire l’obbligo di dichiarare le pellicce ed i prodotti di pellicceria. Questa dichiarazione mira ad informare i consumatori sulla specie animale, la provenienza e la modalità di allevamento degli animali utilizzati per la produzione della pelliccia. »» Segue

.............................................................................................................................

Ordinanza sulla dichiarazione concernente le pellicce e i prodotti di pellicceria

Indagine
Forma: procedura di consultazione scritta
La mozione Moser (08.3675 - Obbligo di dichiarazione delle pellicce) obbligo di dichiarazione delle pellicce, depositata dalla consigliera nazionale Moser il 3 ottobre 2008 (qui appresso mozione Moser) e trasmessa dal Parlamento, incarica il Consiglio federale di modificare le basi legali affinché si introduca l'obbligo di dichiarazione per le pellicce e gli articoli in pelliccia, così da fornire ai consumatori informazioni chiare sul tipo di allevamento, l'origine e la specie animale.
Data limite: 24.09.2012

Documenti: Avamprogetto | Rapporto | Lettera di accompagnamento | Lista dei destinatari

 

15 luglio 2012


Entrata in vigore della nuova ordinanza sulla caccia
In programma : tiri di castori, lupi e linci

Soddisfazione degli ambienti venatori che finalmente potranno abbattere animali di una specie protetta. Il terribile castoro che scava gallerie su una sponda : da abbattere. L’altrettanto terribile lince che uccide un animale selvatico per nutrirsi : da abbattere. Per l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), incaricato dal Consiglio federale di rivedere l’ordinanza sulla caccia, si tratta di tutelare il diritto dei cantoni di trarre profitto dalle regalie della caccia. »» Segue

 

27 giugno 2012


Modifica dell'ordinanza su la caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici

»» Risultati dell'indagine conoscitiva

 

Settembre 2011


LSCV - Rapporto sui risultati della procedura di consultazione della modifica della legge sulla protezione degli animali

Tra il 12 maggio 2010 ed il 31 agosto 2010, il Consiglio federale metteva in consultazione la modifica della Legge sulla protezione degli animali (LPAn), adottata dal Parlamento ed entrata in vigore nel settembre 2008.

Le modifiche proposte miravano articoli di legge già esistenti per consentire, ad esempio, il divieto del transito o del commercio di animali con anomalie genetiche (art.10, cpv.2 LPAn), o l’attuazione della mozione « Vietare il commercio e l’esportazione di pelli di gatti » (07.3848) adottata dal Parlamento.

Per quanto riguarda la sperimentazione animale, il progetto integrava peraltro nuove importanti disposizioni che la LSCV va rivendicando da diversi anni. Si trattava segnatamente dell'art. 20a "Informazione del pubblico", che conferisce una base legale al Consiglio federale per migliorare la comunicazione e la trasparenza sulla pratica della sperimentazione animale, nonchè l'art. 35b, che disciplina l’utilizzazione e l’accesso al sistema di informazione elettronica relativo agli esperimenti sugli animali. »» Segue

Luglio 2011


LSCV - Revisione dell’ordinanza sulla caccia

Messo in consultazione dal 18 aprile al 15 luglio 2011, il progetto di revisione dell’ordinanza sulla caccia predisposto dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) sorprende a più di un titolo. « L’ordinanza deve essere adeguata alle esigenze odierne », dichiarava l’UFAM al momento della messa in consultazione. Sarebbe stato più corretto dire che deve essere adeguata « alle esigenze dei cacciatori ». »» Segue

.............................................................................................................................

Revisione parziale dell'ordinenza sulla caccia

Indagine 

Autorità: Dipartimento 

Forma: procedura di consultazione scritta 

L'ordinanza federale sulla caccia deve essere adeguata alle esigenze attuali. A tale scopo, la Confederazione si propone di rafforzare la protezione degli animali selvatici mediante l'introduzione di zone di tranquillità per la fauna selvatica e di consentire ai Cantoni, in caso di conflitti considerevoli, una gestione pragmatica delle specie protette, in particolare dei grandi predatori. 

Procedura avviata il: 18.04.2011 Termine della procedura scaduto il: 15.07.2011

Documenti: Avamprogetto | Rapporto | Lettera di accompagnamento | Lista dei destinatari

Agosto 2010


LSCV - Presa di posizione

Diverse procedure di consultazione sono state emanate dall’Ufficio federale di veterinaria (UFV) e l’Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG) tra maggio ed agosto 2010. La LSCV ha emesso una presa di posizione sulle leggi e l’ordinanza seguenti:

1. Revisione della legge sulle epizootie
2. Revisione dell’Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova (OEmax)
3. Revisione della Legge sulla protezione degli animali (LPAn)

»» Segue

Settembre 2009


Rapporto sull’indagine conoscitiva relativa al progetto di ordinanza concernente il sistema d’informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali

»» Segue

Agosto 2009


Rapporto sui risultati dell’indagine conoscitiva relativa al progetto di ordinanza dell’UFV concernente la detenzione di animali da laboratorio, la produzione di animali geneticamente modificati e i metodi utilizzati nella sperimentazione animale
»» Segue

14 avril 2009 - Communiqué de presse


Aerzte für Tierschutz in der Medizin - Animalfree Research - Ligue Suisse contre la vivisection - Zürcher Tierschutz

Les organismes de protection des animaux exigent davantage de transparence dans le domaine des expériences sur animaux

L’Office vétérinaire fédéral (OVF) prévoit une réorganisation de sa gestion administrative. Celle-ci permettrait, par les cantons, la saisie informatique de toutes les expériences sur les animaux dans une banque de données centralisée (O-SIGEXPA). Mais au lieu d’instaurer plus de transparence et éviter par exemple que des expériences s’effectuent à double, ou permettre d’augmenter la sécurité pour les patients en rendant public les expériences non publiées ou ayant échouées, l’OVF se montre extrêmement restrictif dans l’accès aux données saisies. Il fait obstacle non seulement à une meilleure application de la Loi sur la protection des animaux mais également à une meilleure sécurité pour les patients. »» Segue

Aprile 2009


LSCV - Nuove ordinanze dell’Ufficio Federale di Veterinaria

Censimento delle sperimentazioni animali per una banca dati on-line e controllo della produzione di animali transgenici

Nella buona e nella cattiva sorte

Come autorizzato dalla nuova legislazione in materia di protezione degli animali (entrata in vigore nel settembre 2008), l’Ufficio Federale di Veterinaria ha avviato i lavori di predisposizione delle ordinanze amministrative che gli consentiranno di sviluppare certe disposizioni già esistenti, ed in futuro, di adattare la legislazione in funzione delle nuove conoscenze acquisite. È in questo contesto che tali ordinanze sono state messe in consultazione presso gli ambienti interessait (scientifici, amministrativi e di protezione degli animali) dal 12 febbraio al 14 aprile 2009. »» Segue

Settembre 2008


LSCV - Nuova ordinanza sulla protezione degli animali

Ma ne valeva veramente la pena?

Era veramente necessario elaborare 226 articoli per illustrare misure cosmetiche e pesantezze amministrative? Dopo un primo progetto di ordinanza presentato nel luglio 2006 e messo in consultazione per 6 mesi, la sintesi delle prese di posizione e le trattative portate avanti con le diverse parti interessate, è stata operata a fine 2007. Il testo finale, preparato dall’UVF e reso pubblico lo scorso mese di aprile, sembra completamente avulso dalla realtà. »» Segue

Maggio 2007


LSCV - Rapporto sui risultati della procedura di audizione relativa all’Ordinanza sulla protezione degli animali (OPAn)

Un breve richiamo: la Legge sulla protezione degli animali (LPA), votata dal popolo nel 1978, è stata interamente riveduta dal parlamento ed adottata il 16 dicembre 2005. Poichè la nuova legge entrerà in vigore all’inizio del 2008, spettava al Consiglio federale adeguare l’attuale ordinanza per la protezione degli animali, poichè il suo intento è di precisare gli articoli di legge, in particolare quelli che definiscono le misure minime in materia di detenzione di animali. »» Segue

Avril 2007


OVF - Rapport sur les résultats de la procédure d’audition relative à l’ordonnance sur la protection des animaux (OPAn)
»» Segue

Novembre 2006


LSCV - Revisione completa dell’ordinanza sulla protezione degli animali

Se da una parte il progetto di ordinanza presentato dall’Ufficio veterinario federale comporta un certo numero di disposizioni favorevoli agli animali, gli allegati che determinano le misure minime di detenzione ammesse per specie animale sono dal canto loro deludenti. »» Segue

Comunicato stampa del 31 agosto 2006


« Per una vera protezione degli animali »

24 organizzazioni di protezione degli animali hanno preso posizione quanto alla revisione dell’ordinanza sulla protezione degli animali il 31 agosto scorso, presso il Vatter Business-Center di Berna.
Sono state allestite numerose conferenze sulle principali tematiche trattate da detta revisione: la detenzione degli animali selvaggi, lo sfruttamento degli animali da rendita, gli animali di compagnia, la sperimentazione animale e l’attuazione della futura ordinanza.

Nel corso dell’intera procedura di revisione, sono stati costituiti diversi gruppi ciascuno dei quali ha operato nella rispettiva sfera di competenza. Le 24 organizzazioni partecipanti sono:
Aktion Kirche und Tiere ; ALTEX ; Animal Life ; Animal Peace Schweiz ; Arztinnen und Arzte für Tierschutz in der Medezin ; ATMen ; Fondation Franz Weber ; Kagfreiland ; Ligue suisse contre la vivisection ; OceanCare ; Pro Tier ; Protection suisse des animaux ; Société Vaudoise pour la Protection des Animaux ; Stiftung für das Tier im Recht ; Stiftung für versuchstierfreie Forschung FFVFF ; Tierschutzbund basel ; Tierschutzbund Innerschweiz ; Tierschutzbund Zurich ; Verband Tierschutz – Organisationen Schweiz VETO ; Verein fair Fish ; Verein gegen Tierfabriken ; Vier Pfoten ; Zurcher Tierschutz

DFE - Comunicato stampa del 12 luglio 2006


« Affinchè gli animali, dal gatto al toro, siano detenuti conformemente alle loro esigenze di vita »

La legge sulla protezione degli animali elaborata venticinque anni fa dalla Svizzera, pioniera in questo campo, si è dimostrata molto valida. Dopo diverse revisioni, la legislazione sulla protezione degli animali è stata interamente rimaneggiata. L’obiettivo mirato è una migliore attuazione delle norme legislative affinchè nel nostro paese gli animali siano detenuti conformemente ai loro bisogni.

La Commissione del Consiglio degli Stati aveva riscontrato, fin dalla metà degli anni 90, un certo numero di lacune a livello di attuazione della protezione degli animali ed aveva reclamato un miglioramento della situazione. Queste lacune saranno colmate grazie alla nuova legge ed alla presente ordinanza di cui si apre la procedura di audizione.

I pilastri che la nuova legislazione instaura o rinforza sono i seguenti :
Detentori correttamente formati ed informati stanno alla base di una detenzione decente degli animali. Si prevede pertanto di allestire nuove formazioni, tra l’altro per le persone che detengono, allevano o trasportano animali a titolo professionale.
Nuovi settori saranno regolamentati, tra cui l’allevamento. Potranno infatti essere allevati soltanto animali esenti da dolori, mali, lesioni e turbe del comportamento sociale di carattere ereditario.
Nuove disposizioni relative ai pesci saranno applicabili ai pescatori ed ai piscicoltori. Risulta da studi scientifici che i pesci sono sensibili ai mali e probabilmente sentono il dolore. Ad esempio gli ardiglioni saranno proibiti.

L’Ufficio veterinario federale ha elaborato, a partire dal 2003, la presente revisione dell’ordinanza sulla protezione degli animali in collaborazione con 25 gruppi di lavoro composti da esperti di agricoltura, difensori degli animali e veterinari cantonali.
La procedura di audizione si concluderà il 10 novembre 2006. La nuova legge sulla protezione degli animali e l’ordinanza entreranno in vigore al più presto nel corso del secondo semestre del 2007.
»» Segue

12 luglio 2006 Revisione completa dell’OPAn


Audition - Destinataires »» Segue

PROJET OVF - Ordonnance sur la protection des animaux (OPAn) »» Segue

OVF - Commentaires concernant la révision totale de l’OPAn »» Segue


Iscrivetevi alla nostra

Articoli

»» Caccia

»» Foie gras

»» Rivista stampa