DE | FR

search


Kontakt
maps

Links


Fr


De

La caccia serve veramente a qualcosa ?

Con 35'000 cacciatori in tutto il Paese, di cui 4'900 in Svizzera romanda, la caccia serve come minimo ad alimentare un lobby. Ma in generale, la fauna ha bisogno di essere regolata? E la caccia si svolge in modo etico?



Gli squilibri riscontrati nella natura sono tali che certe specie animali non possono “regolarsi” naturalmente, come per esempio nel caso del cinghiale. Senza predatori naturali, con le nostre colture estensive che sono veri e propri supermercati aperti, è assurdo pensare che il numero di cinghiali possa stabilizzarsi senza l’intervento dell’uomo. Dunque, uccidere un certo numero di questi animali o lasciare che si moltiplichino e pagare i danni alle colture è cumunque una scelta con pesanti conseguenze.

Eppure, consultando le varie statistiche annue sulla caccia – dei cantoni che le pubblicano – e prendendo conoscenza delle specie uccise, si ha piuttosto l’impressione che la caccia non abbia lo scopo di “regolare” gli animali selvaggi bensì di ammazzarne quanti più possibile, facendo comunque in modo che i superstiti siano abbastanza numerosi da potersi riprodurre e dunque garantire la partita di caccia successiva.  Quale giustificazione si può invocare per ammazzare uccelli migratori, per esempio? I cacciatori dicono di “amare la natura”. Ma questo significa sparare sugli uccelli che ci volano sulla testa?

 

NEWS


Neuchâtel – Ottobre 2013

Caccia al capriolo in fuoristrada

Un medico settantunenne, accusato di aver ucciso un capriolo sparando dal suo fuoristrada, ha contestato l’ordinanza penale di condanna a 1500 franchi di multa e 45 aliquote giornaliere di 100 franchi. Il 6 ottobre 2012, un testimone che aveva visto il medico dare la caccia ad un branco di caprioli al volante della sua auto, l’aveva denunciato alla polizia. Anche se non molto « etico » secondo uno dei guardiani della selvaggina del cantone di Neuchâtel, l’inseguimento in auto non è illegale. Contrariamente allo sparo da un veicolo, che invece è vietato. Il prevenuto era già stato condannato in passato per altri atti di bracconaggio.

.............................................................................................................................

Neuchâtel – Settembre 2013

Cacciatore in tutto il suo splendore

Era per noia ? O semplicemente perchè va così quando non ci sono testimoni ? Il giornale Vigousse riferisce lo sbarco di « due zoticoni dalla pancia proeminente » in riva ad uno stagno di La Chaux-de-Fonds (NE), che fanno fuori una famiglia di 4 germani reali che sguazzavano tranquillamente a meno di 10 metri. A quanto pare i cacciatori sarebbero stati convocati per ricevere una lezione « di etica ». Stando ad un codice non scritto dei cacciatori, non si spara su un’anatra che nuota o su un uccello appollaiato su un albero. Si deve aspettare che spicchi il volo.

.............................................................................................................................

Agosto 2012 – Austria

Cacciatore svizzero all’onore

Un cacciatore svizzero non è riuscito a resistere alla voglia di uccidere il cervo «Heinrich XIV», mascotte degli abitanti di Batschuns, paesino nel Vorarlberg austriaco.
L’animale era destinato a morire di vecchiaia e le sue corna avrebbero potuto continuare a svilupparsi  per molti anni. Ma questo cacciatore ha deciso che doveva andare diversamente e gli abitanti sono costernati. «Heinrich XIV» doveva il suo soprannome al numero di ramificazioni delle sue corna. Era diventato un personaggio famigliare anche perchè andava a mangiare le mele nei frutteti del villaggio.

.............................................................................................................................

15 luglio 2012 – Entrata in vigore della nuova ordinanza sulla caccia

In programma : tiri di castori, lupi e linci

Soddisfazione degli ambienti venatori che finalmente potranno abbattere animali di una specie protetta. Il terribile castoro che scava gallerie su una sponda : da abbattere. L’altrettanto terribile lince che uccide un animale selvatico per nutrirsi : da abbattere. Per l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), incaricato dal Consiglio federale di rivedere l’ordinanza sulla caccia, si tratta di tutelare il diritto dei cantoni di trarre profitto dalle regalie della caccia. »» Segue

.............................................................................................................................

Giugno 2012 - Firmate l’iniziativa popolare federale



«Per la protezione dei grandi predatori (orso, lupo e lince)»

Termine per la raccolta delle firme: 19 dicembre 2013. »» Segue

.............................................................................................................................

Gennaio 2012 - Petizione per la soppressione della caccia nel cantone di Neuchâtel

5'640 firme contro la caccia a Neuchâtel

Lanciata dal gruppo « Alliance neuchâteloise anti-chasse », la petizione, munita di 5'640 firme, è stata depositata il 30 gennaio 2012 presso l’Ufficio del Gran Consiglio del cantone di Neuchâtel. »» Segue

.............................................................................................................................

Novembre 2011 - Ginevra - Si tenta di reintrodurre la caccia nel progetto di nuova costituzione

Nuova costituzione e divieto di caccia

In seguito alle reazioni negative scatenate nel febbraio 2011 dalla soppressione del divieto di caccia nell’avamprogetto della nuova costituzione, l'Assemblea costituente ha deciso di rivedere la propria posizione in merito.

La discussione si è svolta il 10 novembre 2011. In un grande slancio d’unità, tutti i gruppi politici presenti nell’Assemblea hanno manifestato la propria opposizione alla caccia, dichiarando che non era mai stata loro intenzione autorizzarne la reintroduzione nel cantone.
Dopo le parole, è venuto il momento di agire. I ginevrini che hanno creduto agli slanci teatrali dei costituenti saranno sorpresi dal nuovo articolo votato, che vieta la caccia pur autorizzando nel contempo « le misure ufficiali di regolazione della fauna » ! »» Segue

.............................................................................................................................

Agosto 2011 - Diana Vaud - La legge vale per gli altri

Condannato l’ex-P residente dei cacciatori vaudesi

Seguito nell’ottobre 2010 da una giornalista della Radio suisse romande (RSR) mentre partecipava ad una battuta con altri tre cacciatori, il Presidente dei cacciatori vaudesi Jean-Louis Grivet ha ricevuto, nel bel mezzo dell’intervista, la chiamata di un suo collega che gli indicava la sua posizione. »» Segue

.............................................................................................................................

Luglio 2011 - Svizzera

Revisione dell’ordinanza sulla caccia

Messo in consultazione dal 18 aprile al 15 luglio 2011, il progetto di revisione dell’ordinanza sulla caccia predisposto dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) sorprende a più di un titolo. « L’ordinanza deve essere adeguata alle esigenze odierne », dichiarava l’UFAM al momento della messa in consultazione. Sarebbe stato più corretto dire che deve essere adeguata « alle esigenze dei cacciatori ». »» Segue

.............................................................................................................................

Giugno 2011 - Ginevra - Si tenta di reintrodurre la caccia nel progetto di nuova costituzione

Pubblicazione del rapporto di sintesi delle prese di posizione

Sul nostro giornale di marzo 2011 avevamo pubblicato un appello ai nostri soci ginevrini incitandoli a prendere parte alla procedura di consultazione dal 5 febbraio al 25 marzo 2011, relativa al progetto di nuova costituzione. Allorchè il testo attualmente vigente vieta la caccia dal 1974 su tutto il territorio cantonale, la maggioranza politica rappresentata in seno all’assemblea costituente aveva votato la soppressione di tale divieto. »» Segue

.............................................................................................................................

18 giugno 2011 - Svizzera

Caccia uccelli d’acqua ed uccide una persona tranquillamente a passeggio

Un uomo che sparava su delle folaghe in uno stagno a Hauptwil (TH) ha ucciso un ventinovenne che stava tranquillamente passeggiando. Malgrado l’intervento della Rega, la vittima è morta sul posto.

.............................................................................................................................

Inghilterra

La caccia a inseguimento rimane vietata

Parzialmente vietata dal 2004, questa pratica ancestrale è stata definita "crudele" dalla Corte europea dei Diritti dell’Uomo, la quale ha inoltre ritenuto che questo divieto non lede il diritto alla vita privata e famigliare nè la libertà di riunione, nè il divieto della discriminazione, nè la libertà di pensiero e di religione, come sostenuto da 11 britannici e dall’associazione Countryside Alliance.
A nome delle sofferenze « moralmente condannabili » imposte alle prede dei cacciatori, i giudici di Strasburgo all’unanimità hanno dichiarato irricevibili le due proteste ricevute.

.............................................................................................................................

Aprile 2011 - Inghilterra

Una volpe fa dei buchi in un campo di cricket: fucilata !

I vicini e qualche abitante del Sussex hanno protestato lo scorso aprile contro questa vera e propria esecuzione. « All’inizio della stagione, l’ultima cosa che volevamo era dover annullare tutto perchè una volpe aveva scavato buchi nel terreno », ha dichiarato un portavoce del County Sussex Cricket Club.

.............................................................................................................................

Settembre 2007 - Svizzera - La nuova stagione venatoria si apre tra poco

Tenete dentro i gatti

Dopo il comune vallesano di Grimisuat, che aveva ordinato l’uccisione dei gatti randagi nel giugno 2006 da parte degli agenti comunali, la decisione del comune di Orsière, nello scorso novembre, di assumere un tiratore incaricato di ammazzare gatti aveva fatto molto scalpore. Abbastanza da far indietreggiare il comune che ha lasciato alla “Fondation chats des rues” a Bouveret (VS) il compito di catturare e sterilizzare gli otto gatti randagi di  Orsière. »» Segue


Iscrivetevi alla nostra

Articoli

»» Caccia

»» Foie gras

»» Rivista stampa