DE | FR

search


Kontakt
maps

Links


Fr


De

Aprile 2015

Campagna PEA - LSCV sulla produzione di latte

La LSCV ha sostenuto la campagna dell’associazione « Pour l’Egalité Animale » (PEA), indetta in maggio in opposizione alla grande campagna marketing per la promozione ed il consumo di latte della Swissmilk, la federazione dei produttori svizzeri di latte.

E’ stato stampato un pieghevole informativo e 330'000 copie sono state distribuite nelle cassette delle lettere dei cantoni di Ginevra e Vaud.
Distribuito al momento della festa della mamma, presentava in copertina una mucca accanto al suo neonato, con il titolo: « Si celebra la festa della mamma, ma dove sono i suoi piccoli? »

Quanti consumatori di latte sanno che una mucca non produce naturalmente latte come per magia, ma deve figliare per entrare in periodo di lattazione ? Periodo che si riduce a più o meno 7 mesi. Per continuare a produrre latte, la mucca deve essere nuovamente inseminata, fare un piccolo e così via. Dopo qualche anno, quando il suo rendimento cala, la mucca è mandata al macello.
Dopo ogni nascita, il vitello è quasi subito sottratto alla madre affinchè non beva il suo latte. Certe mucche non sopportano che gli venga tolto il piccolo e possono muggire per diversi giorni per chiamarlo. Il vitello parte per l’ingrassamento. Nemmeno durante questo periodo berrà latte di mucca ma latte in polvere arricchito con grassi di maiale, bue e cocco. A quattro mesi viene mandato al macello.

L’uomo è l’unico mammifero che beve ancora latte all’età adulta. La Società svizzera di nutrizione ricorda che si può vivere in perfetta salute senza consumare latte di mucca. Possiamo trovare calcio anche nei seguenti alimenti : cavolo, cima di rapa, mandorle, crescione, prezzemolo, datteri, fichi, cacao, arance, pistacchi e persino nell’acqua del rubinetto o nelle acque minerali.

A chi verrebbe in mente di bere latte di scrofa o di cagna? Com’è possibile trovare « normale » bere latte di un altro animale ?
Il suo consumo ci confronta ad un dilemma etico. Non esiste una mucca da latte felice. E la produzione bio non cambia nulla alla situazione.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Articoli correlati : »» Le mucche svizzere a buchi


Iscrivetevi alla nostra

Articoli

»» Caccia

»» Foie gras

»» Rivista stampa