DE | FR

search


Kontakt
maps

Links


Fr


De

Gennaio 2012 - Petizione per la soppressione della caccia nel cantone di Neuchâtel

5'640 firme contro la caccia a Neuchâtel

Lanciata dal gruppo « Alliance neuchâteloise anti-chasse », la petizione, munita di 5'640 firme, è stata depositata il 30 gennaio 2012 presso l’Ufficio del Gran Consiglio del cantone di Neuchâtel.

Consegna della petizione da parte di Rosita Malcotti e Sylvie Benoît

I firmatari chiedono che "lo sfruttamento delle popolazioni di selvaggina" sia escluso dallo scopo della legge cantonale sulla fauna selvaggia del 7 febbraio 1995, con l’introduzione nella legge della nozione di divieto generale della caccia. La regolazione degli animali rimarrebbe riservata ai casi in cui non dovesse esistere nessun altra soluzione soddisfacente.

5'640 firme raccolte in soltanto cinque mesi

Il comportamento di una parte dei cacciatori neocastellani non è estraneo al successo di questa petizione: spari nella nebbia, da un veicolo fermo o in prossimità di abitazioni, sono alcune delle critiche che sono state mosse contro i cacciatori.
Le critiche non risparmiano il nuovo ispettore della fauna. Proveniente a quanto pare dagli ambienti venatori, moltiplica i provvedimenti assurdi. L’ultima trovata : l’uccisione dei giovani cerbiatti. "Procedendo in questo modo, si eliminano soggetti  giovani che in parte sarebbero comunque morti durante l’inverno. Questo metodo limita la pressione sugli adulti che rappresentano il futuro del bestiame" ha dichiarato nel gennaio 2012 al « Courrier neuchâtelois » allorchè era da molto tempo che non si vedeva un inverno così clemente. E anche se l’inverno si fa carico di una selezione naturale, garantisce peraltro che i giovani che vi sopravvivono siano i più robusti. Non si può certamente dire la stessa cosa delle fucilate sparate contro i giovani caprioli.

Sulla scia del lancio della petizione, è stata depositata anche una petizione "Per l’abolizione della caccia " al Gran Consiglio di Neuchâtel il 9 novembre 2011.
Senza grandi sorprese, il Consiglio di stato ha proposto al Gran Consiglio di respingere la mozione. Quest’ultimo non si è ancora pronunciato.


Iscrivetevi alla nostra

Articoli

»» Caccia

»» Foie gras

»» Rivista stampa