DE | FR

search


Kontakt
maps

Links


Fr


De

Luglio 2010

Campagna « Per la sostituzione delle sperimentazioni
animali con nuovi metodi sostitutivi »

La nostra campagna di affissione pubblica svoltasi dal 17 maggio al 2 giugno 2010, è stata molto favorevolmente accolta dal pubblico, e non possiamo che rallegrarcene. L’utilizzazione di metodi sostitutivi per la ricerca medica è tuttora poco conosciuta e pochi sanno che, contrariamente alle dichiarazioni fatte dagli ambienti scientifici, non è stato fatto nessuno sforzo per consentirne lo sviluppo.

Eppure l’art. 22 della Legge sulla protezione degli animali obbliga la Confederazione a  « sostenere » e « promuovere » i metodi in grado di sostituire gli esperimenti sugli animali. In vista di tale obiettivo, la Confederazione ha istituito nel 1987 la Fondazione Ricerche 3R. Sul nostro giornale di settembre 2009 avevamo descritto la pietosa attività di questa Fondazione, parassitata dal lobby farmaceutico e qualche poltrone.
Dotata di una misera linea finanziaria di Fr 800’000.--, sostiene a malapena cinque o sei progetti all’anno, allorché durante lo stesso periodo in Svizzera sono autorizzati qualcosa come 800 o 900 nuovi esperimenti sugli animali. Non succede quel granché in questa Fondazione, il che non sorprende dato il suo funzionamento opaco. Volendo saperne un pò di più, le abbiamo rivolto qualche domanda per esempio sulla nomina dei membri. Avevamo inoltre chiesto di ricevere copia del suo atto di fondazione e del suo regolamento.
Primo rifiuto categorico della Fondazione in data 11 febbraio 2010 adducendo come motivazione che tali documenti sono ad uso « interno ». Abbiamo dunque dovuto insistere e far presente che questo rifiuto è inaccettabile « dato l’impegno finanziario della Confederazione ed il coinvolgimento di rappresentanti parlamentari, alla luce della legislazione vigente, quale la LTras ».
La Fondazione finirà, seppur malvolentieri, col comunicarci il suo atto di Fondazione. Quanto al regolamento, il suo segretario ci ha informati il 16 febbraio che  « il regolamento della Fondazione è un atto interno che disciplina le prassi amministrative in seno alla fondazione. Trattandosi della prima volta che qualcuno chiede di riceverne copia, devo prima di tutto prendere contatto con il Consiglio di Fondazione, tanto più che la LTras non si applica in questo caso concreto (vedi art. 2 cpv.1 lett. b).» Siamo tuttora in attesa di una risposta…

Ci rimaneva ancora la speranza che la Confederazione si impegnasse in programmi europei o internazionali volti alla sostituzione della sperimentazione animale. Purtroppo l’assenza totale di coinvolgimento si è rivelata ancor più drammatica di quanto si potesse pensare. L’Ufficio federale di veterinaria (UFV) ci ha risposto il 21 giugno 2010 :
« Il sostegno apportato alla Fondazione Ricerche 3R costituisce il pilastro centrale della promozione dei metodi volti a ridurre gli esperimenti sugli animali. Tramite questo sostegno, la Confederazione contribuisce in modo determinante a ridurre il numero di animali utilizzati nella sperimentazione animale, a rendere i metodi meno lesivi ed in ultima analisi a sostituire la sperimentazione animale con altri metodi. Attualmente, la Confederazione non sostiene altri progetti volti verso obiettivi dello stesso tipo (…) »

Il tono bonario della risposta dell’UFV e la passività della Confederazione non hanno nulla di sorprendente. Per obbligarli a sostenere realmente i metodi sostitutivi, ci vorrebbe o una pressione dell’opinione pubblica o un intervento del Parlamento.
Per quanto riguarda il pubblico, la Lega e qualche altro organismo si adopera già da anni ad informare sull’interesse di questi metodi. Ma la problematica è complessa ed oggi come oggi è illusorio immaginare una mobilitazione su questo tema.
A livello di Parlamento, è più facile agire. A patto di destare un interesse sufficiente tra i nostri eletti politici… La fine della nostra campagna coincideva con l’inizio della sessione estiva del Parlamento (dal 31 maggio al 18 giugno 2010), sicchè abbiamo contemplato l’allestimento di una conferenza all’attenzione dei nostri parlamentari. Abbiamo proposto di organizzare tale conferenza tramite il KTT (1), che raggruppa i rappresentanti della protezione degli animali delle commissioni cantonali sulla sperimentazione animale, presenziate da due rappresentanti della Lega. Luc Fournier ha presentato il progetto in occasione di una seduta del KTT a Berna il 28 aprile 2010, progetto che è stato accettato. È stato proposto che Luc si metta in contatto con la consigliera nazionale basilese Maja Graf per sottoporle il progetto di conferenza. Maja Graf l’ha informato dell’elaborazione già in corso a sua cura di un’interpellazione al Parlamento sull’attività della Fondazione Ricerche 3R. Si è pertanto deciso di attendere la decisione del Consiglio federale e di organizzare un intervento in Parlamento in occasione della sessione autunnale che si terrà dal 13 settembre al 1° ottobre p.v..
Nel frattempo, in seguito alle dimissioni in agosto di due consiglieri federali, è probabile che la sessione autunnale sia principalmente dedicata alle nuove elezioni, rinviando pertanto il nostro progetto a fine novembre, ossia alla sessione invernale. Questo rinvio può malgrado tutto rivelarsi positivo in quanto ci lascerebbe il tempo di preparare meglio il nostro intervento e soprattutto di avvicinare i consiglieri nazionali romandi per assicurarci del loro sostegno. Per il momento, soltanto alcuni eletti della Svizzera tedesca sostengono questa azione…

...................................................................................................

Note :

(1) KTT (Konferenz der Tierschutzdelegierten der kantonalen Tierversuchskommissionen). Raggruppa i membri attivi nella protezione degli animali che fanno parte delle commissioni dei cantoni di Basilea, Zurigo, Berna, Vaud, Ginevra e Friborgo.

 


Iscrivetevi alla nostra

. . . . . . . . . . . . .

Svizzera - Petizione per la castrazione obbligatoria dei gatti lasciati circolare liberamente

L’organizzazione per la protezione degli animali NetAP e la fondazione Stiftung für das Tier im Recht (TIR) così come le organizzazioni partecipanti e gli firmatari, chiedono al consiglio federale e al parlamento, di introdurre la castrazione obbligatoria per i gatti lasciati circolare liberamente, con il fine di frenare la crescita eccessiva e quindi ridurre la sofferenza dei gatti in Svizzera.

»» Firmate la petizione

. . . . . . . . . . . . .

Ripuliamo l'Europa dalla crudeltà

»» Firmate la petizione

. . . . . . . . . . . . .


Azioni 2016

La loro vita, la loro sofferenza
Come puoi aiutarli

»» Segue

. . . . . . . . . . . . .